L’olio extra vergine di oliva sempre più private label

0
942
olio extravergine d'oliva

La Grande Distribuzione in Europa controlla sempre più strettamente il mercato dell’olio extra vergine di oliva grazie ai propri marchi, i cosiddetti private label. Una ricerca dell’IRI (Information Resources Inc) che ha verificato come la quota, a valore, dei marchi propri della Grande Distribuzione sulle vendite complessive di olio extra vergine di oliva ha ormai raggiunto nei principali Paesi dell’Unione europea il 45%.

Quasi un olio su due comprato a scaffale, insomma, è di un marchio riconducibile direttamente alla catena di distribuzione. Sono i Paesi Bassi la nazione dove la quota è maggiore, 67%, seguiti dalla Spagna con il 57% e dalla Francia col 50%. Fanalino di coda l’Italia col il 16% del mercato in mano alle private label.

Una situazione di mercato che si riflette anche sui prezzi e sulle politiche commerciali, con dinamiche diverse da Paese a Paese. In Spagna, per esempio, dove la marca del distributore ha una tradizione molto forte, il rialzo dei prezzi dell’olio nel 2015 è stato molto simile tra marca industriale e private label (rispettivamente 26,6% e 28,6%). Al contempo la marca del distributore è cresciuta in termini di quote a volume di 3,1 punti, segnando un aumento delle vendite del 13,3%, raggiungendo i 529 milioni di euro.

La Gran Bretagna evidenzia trend analoghi alla Spagna in termini di evoluzione delle quote a valore dei brand della GDO, con un aumento di 5,3 punti rispetto al 2014. In Francia, invece, si è assistito al fenomeno opposto. L’industria olearia è impegnata in una guerra all’ultimo sconto, con i rincari che hanno colpito quindi soprattutto le private label con il conseguente calo della quota a volume (-7,2 punti rispetto all’anno precedente). Le analisi di IRI indicano per il 2015 un calo delle vendite di olio extra vergine in tutti i Paesi ad eccezione dell’Italia, dove gli andamenti sono rimasti quasi piatti.

Fonte: Teatro Naturale per Sol&Agrifood

.

SHARE
La redazione di Gusto News

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY