“Minnuzze” di Sant’Agata

0
4553

Si narra che la fanciulla Agata, vissuta tra il III e il IV secolo, avesse rifiutato le lusinghe del proconsole Quinziano, il quale si invaghìmente della giovane. Dopo diversi tentativi di corruzione morale e continue pressioni psicologiche, fatte di allettamenti e minacce per sottometterla alle voglie di Quinziano, ad Agata, appena quindicenne, venne concretamente strappato il seno.

Da qui, il 5 febbraio di ogni anno, come di consueto a Catania le varie pasticcerie presentano nelle loro vetrine le “minnuzze di Sant’Aita”, dolce ispirato alla storia della patrona catanese. Di forma semisferica, piccola, soave e con una ciliegina al centro, il dessert rappresenta cosi la femminilità e la sensualità di Catania.

Molti pasticceri affermano che la preparazione del dolce è abbastanza laboriosa e travolgente, come se fin da subito il dessert volesse raccontarci la tenacia, la determinazione della santa ma anche il desiderio primordiale, per un neonato, di piacere e sopravvivenza.

Pastafrolla

  • 600 g di farina 00
  • 120 g di strutto
  • 150 g di zucchero a velo
  • aroma di vaniglia
  • 2 uova

Tagliare lo strutto o il burro a dadini e lavorarlo tra le dita insieme con la farina. Quando i due ingredienti saranno ben amalgamati aggiungere lo zucchero a velo, incorporare le uova e la vaniglia. Impastare velocemente. Quando il composto avrà una consistenza soffice ed elastica, da poterci affondare le dita come in un seno voluttuoso, coprire con una mappina e lasciar riposare.

Glassa

  • 350 g di zucchero a velo
  • 2 cucchiai di succo di limone
  • 2 albumi

Montare parzialmente gli albumi con un pizzico di sale. Aggiungere lo zucchero, il succo di limone e continuare a mescolare fino ad ottenere una crema bianca, lucida, spumosa.

Ripieno

  • 500 g di ricotta di pecora
  • 100 g di canditi
  • 100 g di scaglie di cioccolato
  • 150 g di zucchero

Lavorare la ricotta e lo zucchero fino a farne una crema liscia, senza grumi. Unite i canditi e il cioccolato. Lasciar riposare il frigorifero per mezz’ora circa. Imburrare e infarinare stampini rotondi, affinché il dolce abbia la forma di un seno. Stendere la pastafrolla in uno strato sottile.
Foderare il fondo degli stampini, farcirli con la crema e chiuderli con dischi di pastafrolla. Capovolgerli sulla piastra unta e infarinata. Cuocere nel forno a 180° per 25-35 minuti. Sfornare e far freddare su una griglia. Estratta delicatamente ogni cassatina dal suo stampo, colarvi sopra la glassa, in modo uniforme perché tenderà a solidificare in poco tempo.

Perché delle semplici cassatelle si trasformino come per magia in seni maliziosi, “minne piene”, decorare queste magnifiche, bianche, profumate rotondità con una ciliegina candita.

SHARE
La redazione di Gusto News

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY